Con un pizzico di sarcasmo si potrebbe dire che in questi giorni per le squadre svizzere non è il caso di confrontarsi con l’hockey germanico.

Battute a parte, il Lugano di Ireland è uscito sconfitto per 3-1 sabato sera dalla fredda pista di Seewen dove ha affrontato in amichevole il Mannheim. Il coach canadese, tra l’altro già sulla panchina degli Adler nel recente passato, si è detto moderatamente soddisfatto della prestazione dei suoi uomini.

Chiesa e compagni hanno giocato con buon ritmo, difettando tuttavia in concretezza. Le note positive della serata sono allora da ricercare nella bella rete messa a segno da Etem (Foto F. Eicher) con una brillante azione personale, a testimonianza di una condizione fisica in crescendo e nella presenza sul ghiaccio, complici le assenze di sette titolari, di ben tredici ragazzi cresciuti nel vivaio bianconero. E da mercoledì, contro gli ZSC Lions, si tornerà a fare sul serio.

Lugano-Adler Mannheim 1-3 (1-1, 0-2, 0-0)

Reti: 5.17 Etem (Wellinger) 1-0, 19.31 Sparre (Mullen) 1-1, 28.18 Desjardins (MacMurphy) 1-2, 28.42 Setoguchi (Carle) 1-3

Lugano: Merzlikins; Wellinger, Fontana; Pagnamenta, Chiesa; Ronchetti, Sartori; Tosques; Klasen, Reuille, Brunner; Walker, Cunti, Bürgler; Bertaggia, Romanenghi, Fazzini; Morini, Sannitz, Etem; Vedova

Note: Lugano senza Furrer, Sanguinetti, Lajunen, Lapierre e Hofmann (Giochi Olimpici), Vauclair (inf.) e Ulmer (ammalato)

Penalità: Lugano 3 x 2’, Adler Mannheim 2 x 2’

Spettatori: 546