La particolarità del calendario della Regular Season 2017/2018 – con la lunga pausa per i Giochi Olimpici durante il mese di febbraio – ha fatto sì che al 20 dicembre il Lugano come d’altronde anche le sue avversarie abbia già giocato più di tre quinti delle gare in prospettiva dei playoff.

Spulciare le statistiche ufficiale di Swiss Ice Hockey si rivela quindi un’operazione sensata in quanto, a prescindere dal fatto che i dati sono raccolti dalle singole società e pertanto qualche discordanza esiste sicuramente, le cifre dopo oltre trenta partite non mentono. Anzi, spiegano l’andamento finora soddisfacente del Lugano di Ireland e Silander. Anche se nelle ultime settimane il rendimento appare in fase calante. Ecco allora qualche spunto di riflessione per tifosi e addetti ai lavori (Foto F. Eicher).

Il Lugano è la seconda squadra del campionato ad aver segnato più reti (3,44 a partita)
Il Lugano è la terza squadra del campionato ad aver incassato meno reti (2,58 a partita)
Il Lugano è la nona squadra del campionato per tiri a partita (29.94)
Il Lugano è la prima squadra del campionato per efficienza nel rapporto tiri/reti (11,38%)
Il Lugano è la quinta squadra del campionato per efficienza in superiorità numerica (19,53%)
Il Lugano è la sesta squadra del campionato per efficacia in inferiorità numerica (82,03%)
Il Lugano è la squadra del campionato che ha segnato più reti in inferiorità numerica (7)
Il Lugano è la sesta squadra del campionato per efficacia agli ingaggi (50,72%)
Il Lugano è la settima squadra del campionato per tiri bloccati a partita (11,75)
Gregory Hofmann è il giocatore del campionato che ha realizzato sinora più reti (19)
Il primo giocatore del Lugano per minuti e secondi giocati a partita è Bobby Sanguinetti (21 minuti e 40 secondi), solo la 15esima posizione assoluta del Time on Ice della National League
Il Lugano è l’ottava squadra del campionato per l’affluenza di pubblico (5693 spettatori di media).